Auto più sicure e intelligenti grazie agli assistenti hi-tech

Tags:

Le automobili saranno sempre più intelligenti: non è una previsione, ma un obbligo. I rappresentanti dell’Unione europea hanno, infatti, raggiunto un accordo provvisorio che rende obbligatoria, a partire dal 2022, per tutte le vetture e i veicoli commerciali di nuova immatricolazione, l’installazione di diversi sistemi di assistenza alla guida, altrimenti noti come Adas (Advanced driver assistance system). Lo segnala Autopromotec, sottolineando che nel giro di pochi anni si stima che più della metà del parco circolante europeo sarà dotato di radar, telecamere, sensori di diagnostica e altri sofisticati strumenti telematici che, grazie alle connessioni Internet e ai dispositivi mobile, arriveranno a connettersi e a comunicare con il mondo esterno, dalle infrastrutture stradali agli altri veicoli. “Siamo di fronte all’umanizzazione dell’automobile che, attraverso questi dispositivi, riesce a “sentire” l’ambiente circostante” ha affermato Domenico Ferrara, Business Development Manager di Hella Gutmann, durante il convegno “Adas e diagnosi elettronica: una visione sul futuro dell’autoriparazione” che si è tenuto ad Autopromotec 2019.

Tutto questo avrà, anzi sta già avendo, un impatto sul settore dell’autoriparazione. In circolazione ci sono infatti già molte autovetture equipaggiate con Adas di livello 2, vale a dire in grado di controllare aspetti dinamici della vettura, utilizzando informazioni sull’ambiente di guida. Ed il numero è destinato a salire. 

sistemi assistenza auto

L’UE intende puntare a rendere obbligatori i sistemi ADAS sulle auto

Print